AVVISO

Dal 28 febbraio 2021 non è più consentita la registrazione al portale con nome utente e password. L’accesso è consentito solo con SPID, CNS, CIE cliccando su Accedi con SPID/Cohesion. L’accesso con nome utente e password è comunque consentito fino al 30 settembre 2021 cliccando su Accedi.

PROTOCOLLO D’INTESA PER LA LEGALITA’

In attuazione del “Protocollo d’intesa per la legalità, lo sviluppo del settore ricettivo-alberghiero e nelle attività economico commerciali e la prevenzione dei tentativi di infiltrazione mafiosa criminale” stipulato dal Comune di Fano con la Prefettura di Pesaro e Urbino il 06.11.2020 con pg. n.77700 ed operativo dal 04.12.2020 con pg n. 86026, tutti i soggetti dichiaranti previsti dall’art. 85 e ss. del D.lgs. n.159/2011 che a mezzo S.U.A.P. trasmettono SCIA/COMUNICAZIONI di apertura, subingresso, variazioni dell’assetto societario, relativamente ai settori della somministrazione di alimenti e bevande, delle strutture ricettive e degli stabilimenti balneari, sono tenuti a produrre i modelli integrativi di dichiarazione sostitutiva di certificazione antimafia approvati in sede di intesa, pena l’adozione dei provvedimenti previsti dall’art. 19 della L. n.241/1990.

Cliccare qui per la modulistica.

Art. 85 D.lgs. n.159/2011 Soggetti tenuti alle verifiche antimafia:

1.  La documentazione antimafia, se si tratta di imprese individuali, deve riferirsi al titolare ed al direttore tecnico, ove previsto.

2.  La documentazione antimafia, se si tratta di associazioni, imprese, società, consorzi e raggruppamenti temporanei di imprese, deve riferirsi, oltre che al direttore tecnico, ove previsto:

a)  per le associazioni, a chi ne ha la legale rappresentanza;

b)  per le società di capitali, anche consortili ai sensi dell’articolo 2615-ter del codice civile, per le società cooperative, per i consorzi di cooperative, per i consorzi di cui al libro quinto, titolo X, capo II, sezione II, del codice civile, al legale rappresentante e agli eventuali altri componenti l’organo di amministrazione nonché a ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle società consortili detenga, anche indirettamente, una partecipazione pari almeno al 5 per cento;

c)  per le società di capitali, anche al socio di maggioranza in caso di società con un numero di soci pari o inferiore a quattro, ovvero al socio in caso di società con socio unico;

d)  per i consorzi di cui all’articolo 2602 del codice civile e per i gruppi europei di interesse economico, a chi ne ha la rappresentanza e agli imprenditori o società consorziate;

e)  per le società semplice e in nome collettivo, a tutti i soci;

f)  per le società in accomandita semplice, ai soci accomandatari;

g)  per le società di cui all’articolo 2508 del codice civile, a coloro che le rappresentano stabilmente nel territorio dello Stato;

h)  per i raggruppamenti temporanei di imprese, alle imprese costituenti il raggruppamento anche se aventi sede all’estero, secondo le modalità indicate nelle lettere precedenti;

i)  per le società personali ai soci persone fisiche delle società personali o di capitali che ne siano socie.

2-bis.  Oltre a quanto previsto dal precedente comma 2, per le associazioni e società di qualunque tipo, anche prive di personalità giuridica, la documentazione antimafia è riferita anche ai soggetti membri del collegio sindacale o, nei casi contemplati dall’articolo 2477 del codice civile, al sindaco, nonché ai soggetti che svolgono i compiti di vigilanza di cui all’articolo 6, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.

2-ter.  Per le società costituite all’estero, prive di una sede secondaria con rappresentanza stabile nel territorio dello Stato, la documentazione antimafia deve riferirsi a coloro che esercitano poteri di amministrazione, di rappresentanza o di direzione dell’impresa.

2-quater.  Per le società di capitali di cui alle lettere b) e c) del comma 2, concessionarie nel settore dei giochi pubblici, oltre a quanto previsto nelle medesime lettere, la documentazione antimafia deve riferirsi anche ai soci persone fisiche che detengono, anche indirettamente, una partecipazione al capitale o al patrimonio superiore al 2 per cento, nonché ai direttori generali e ai soggetti responsabili delle sedi secondarie o delle stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti. Nell’ipotesi in cui i soci persone fisiche detengano la partecipazione superiore alla predetta soglia mediante altre società di capitali, la documentazione deve riferirsi anche al legale rappresentante e agli eventuali componenti dell’organo di amministrazione della società socia, alle persone fisiche che, direttamente o indirettamente, controllano tale società, nonché ai direttori generali e ai soggetti responsabili delle sedi secondarie o delle stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti. La documentazione di cui al periodo precedente deve riferirsi anche al coniuge non separato.

3.  L’informazione antimafia deve riferirsi anche ai familiari conviventi di maggiore età dei soggetti di cui ai commi 1, 2, 2-bis, 2-ter e 2-quater.

-Anche i procuratori ed i procuratori speciali sono sottoposti alle verifiche antimafia in quanto, ai

sensi dell’articolo 91, comma 5, del codice antimafia “Il prefetto estende gli accertamenti pure

ai soggetti che risultano poter determinare in qualsiasi modo le scelte o gli indirizzi dell’impresa”.

Per maggiori informazioni consultare il seguente link:

http://www.prefettura.it/pesarourbino/news/Protocolli_di_intesa_di_legalita_e_buone_pratiche-9979591.htm#News_100358

torna all'inizio del contenuto